martedì 22 novembre 2022

Francia e solidarietà in mare, una opportuna integrazione

E' del 14, otto giorni fa, la notizia riportata dall'AGI Agenzia Italia: il fatto risale al Novembre 2021 cito "Quando la guardia costiera francese lasciò affogare 27 migranti nella Manica. Dalle indagini "emergono responsabilità dirette dei soccorritori francesi, sollecitati a più riprese, per il loro mancato intervento e un rimpallo con i colleghi britannici".

mercoledì 16 novembre 2022

Giorgia Meloni a Bali con la figlia? Ha fatto bene, molto bene.

Appena ho appreso che la nostra Premier aveva raggiunto Bali per il G20 portando con sè la figlia Ginevra ho subito affermato: ottima scelta, le sarà utile, non solo come mamma. Giorgia Meloni è sempre stata molto vicina a lei, senza mai confondere i due ruoli, e l'eccellente risultato elettorale lo conferma. La Presidente del Consiglio sa essere magnificamente anche Mamma Giorgia perchè sa ben interpretare entrambe le funzioni, ognuna nel suo spazio, nel suo momento. Siccome adora la sua bimba mi commuove immaginarla che averla avuta vicina, il poterla accarezzare, stringersela al petto, darle una carezza, un bacio prima e al termine di giornate e colloqui così intensi, saranno stati di grande stimolo. Mi auguro che questo continui per il bene suo e del nostro Paese. (foto da GazzettaTricolore)

venerdì 11 novembre 2022

La Francia e la solidarietà in mare. Ma da che pulpito?

C'è un gran clamore, anche da certa stampa nostrana, sulla nostra mancata accoglienza di 234 migranti e si sottolinea il mancato rispetto umano verso chi cercava in Europa, ma sbarcando in Italia, migliori condizioni di vita. Peccato che i transalpini si siano dimenticati di quando, negli anni '50 e '60, bloccavano al confine centinaia di emigranti italiani o, tuttora, le migliaia di africani respinti a Ventimiglia e Mentone o Calais. I francesi e taluni leader politici italiani hanno rimosso dalla memoria i 300 "sans papier" sloggiati a manganellate dalla chiesa di Saint Bernard a Parigi? Era il 28 giugno 1996. Perchè si ignora che negli ultimi 12 mesi l'Italia ha accolto quasi 90.000 persone (nel 2021 erano presenti 78.421 - fonte Unicef) e che dire delle 8.000 che doveva prendersi l'Europa? Solo 117. In fatto di solidarietà, di senso umano, consiglio ai "cugini" francesi di sfogliare qualche pagina di Storia: prima quella scritta dal nostro Salvatore TODARO. Comandante del sommergibile Cappellini, il 15 ottobre 1940 trasse in salvo l'equipaggio della nave nemica che, in azione bellica, aveva silurato.
Seconda: una vicenda che loro tengono tra le quinte, vale a dire la battaglia del 22 agosto 1914 a Rossignol (Belgio) dove, combattendo sotto la bandiera francese, la fanteria d'oltre mare lasciò sul campo, in un solo giorno, 22.000 algerini falciati dalle mitraglie germaniche. E che etnia avevano i soldati francesi che vediamo nel film La Ciociara? (nella foto di Gianmaria Italia il cimitero di Rossignol)

lunedì 7 novembre 2022

E' morto, aveva solo ...anni

Ad ogni decesso di bimbi o di giovani ecco che il giornalista di turno ha la (pessima) abitudine di aggiungere "aveva solo tot anni". L'ho accettato quando si trattava di banbini o, al massimo, di ragazzini: comprensibile anche per lo strazio che porta ai loro genitori, ma mai oltre. L'altro ieri il decesso ha interessato un ventiduenne: "aveva solo 22 anni". Allora cominci a domandarti: nessuna considerazione se ne avesse avuti 30? Ci ha pensato un titolo di oggi tra le notizie pubblicate da Yahoo: "Morto Aaron Carter, aveva solo 34 anni..." A questo punto una domanda è d'obbligo: quanti anni deve avere uno per morire senza muovere un poco di compassione? Davvero inopportuno, quando non offensivo per chi ha un'età maggiore, quel "solo"; dal mio punto di vista, quando apprendo che se ne va un novantenne, mi domando: spero che abbia potuto godersi la vecchiaia.

domenica 30 ottobre 2022

Abbiategrasso, ANPI e PD contestano ricorrenza El Alamein

Il Comune di Abbiategrasso, le Associazioni Bersaglieri, Carristi e Paracadustisti hanno lodevolmente voluto celebrare l'80° della Battaglia di El Alamein dove si immolarono migliata di nostri soldati; fu lì che si elevarono a perenne memoria le gesta eroiche della Folgore citate con rispetto anche dalle truppe nemiche, tanto da ricevere l'onore delle armi. Fra le iniziative programmate ad Abbiategrasso anche un lancio di 10 paracadustisti che avrebbero dovuto atterrare sul campo dell'oratorio. A parte la sfortunata sorte capitata a due di loro che sono caduti fuori dal prato (auguro si ristabiliscano presto), lascia l'amaro in bocca che alla vigilia le locali sezioni dell'ANPI e del PD abbiano contestato l'iniziativa adducendola inopportuna in un momento in cui c'è in corso una guerra: "non è il momento di retoriche sull'eroismo, ma della ricerca di urgenti strade di pace". Forse a detti signori è sfuggito che nessuno voleva celebrare la guerra, ma rendere omaggio a nostri soldati che combatterono per la Patria. Chissà se le stesse organizzazioni avranno da definire "retorico" il gesto compiuto l'altro ieri mattina dal Ministro della Difesa Guido Crosetto quando, dopo avere deposto una corona d'alloro all'Altare della Patria, si è inginocchiato davanti alla tomba del Milite Ignoto fermandosi in raccoglimento. Su Liberoquotidiano si può vedere il filmato di questa cerimonia https://www.liberoquotidiano.it/video/politica/33669345/crosetto-altare-patria-omaggio-milite-ignoto.html

giovedì 27 ottobre 2022

Telecronache sportive, quanto ha ragione Aldo Grasso!

Oggi, dal suo seguitissimo blog che troviamo su Corriere.it, il noto (e competente) critico di trasmissioni televisive, mette in rilievo quanto in molti stanno notando: le telecronache del calcio sono sempre più radiocronache. Grasso è ancora benevolo perchè da quando hanno affiancato al cronista ufficiale un esperto, le telecronache si trasformano sovente in conversazioni salottiere lontane da quanto avviene sul campo di gioco. Dopotutto si va allo stadio per guardare, non per ascoltare. Bene fa nel consigliare detto dialogo nell'intervallo o al termine della gara. E ne approfitto, sebbene manchino ancora poco più di tre mesi alle Olimpiadi invernali, per esortare chi farà le telecronache di pattinaggio di figura (o artistico) a non parlare durante l'esecuzione. E' assurdo che la splendida musica di accompagnamento sia coperta da commenti, per lo più di un tecnicismo che sfugge al 90% dei telespettatori, e comunque inutile. Raccomando alla RAI di imporre questa linea di condotta; grazie ...credo a nome di tutti.

sabato 22 ottobre 2022

Giorgia Meloni, non solo donna in politica

Devota figlia della signora Anna (basta osservarla in questa foto), amorevole mamma di Ginevra, fedele compagna di Andrea, affezionatissima sorella di Arianna e, glielo auguro, stimata presidente del nostro consiglio dei ministri.(foto da Corriere.it)